Turismo responsabile: un modo diverso di vivere l'esperienza turistica

La responsabilità del luogo, il rapporto turismo e territorio

La responsabilità è un tema scottante nel turismo. Quanto più si parla di turismo responsabile tanto meno si è pronti ad affrontarlo. In alcuni casi il termine stesso ci riporta in mente le esperienze vissute in passato per un impegno preso, una parola data, un onere vissuto.  Di certo la responsabilità è una qualità virtuosa, che non si può misurare in altro modo se non con l’esempio.

Cosa è esemplare nel turismo quindi? Chi è esemplare? Quale modello è esemplare?

L’esempio è sempre la realtà che ci circonda e che percepiamo: va al di là delle parole.

Per sviluppare un turismo responsabile tuttavia si persevera nell’adottare criteri, buone prassi e regolamenti come se fossero la risposta che causa un turismo responsabile. Voi cosa ne pensate? E’ una scelta credibile? E quali sono i criteri più sicuri?

Anni addietro mi sono trovato in una località italiana per un progetto nel quale gli operatori intendevano adottare criteri di distinzione della loro ospitalità. Criteri più vicini al bisogno di un ambiente più rispettoso della natura, dei valori della tradizione e della storia di quel luogo.

Erano dei precursori e avevano una qualità fondamentale per favorire un turismo responsabile: erano consapevoli che qualunque loro azione avrebbe comportato un effetto sul territorio, delle ricadute di tipo sociale, ambientale, culturale. Erano consapevoli dell’importanza dell’esempio e sapevano che erano loro i prinmi a doverlo dimostrare. Così, alcuni di essi – per onestà – indietreggiarono nel loro intento, mentre altri fecero il loro meglio per diventarlo.

Uno sviluppo turistico responsabile sicuro

Un nuovo tipo di domanda turistica cominciò a frequentare quella destinazione, ma mai al punto di cambiare completamente la sua immagine originale. Credo che questo tipo di situazioni si sia avverato e si avveri tutt’oggi un pò ovunque nel Bel Paese. Questo termine tuttavia, Bel Paese, suona sempre più come un mito. Il clima cambia, le persone cambiano e la percezione di libertà e dei buoni sentimenti che accomunano le persone di una comunità, cambiano.

A Roma, prima degli anni 1970 esistevano “i quartieri malfamati”. Nella gran parte della città invece si poteva lasciare l’auto aperta durante la notte senza che accadesse qualcosa di spiacevole. Oggi gli abitanti si sono abituati a predisporre inferiate sulle finestre anche al terzo piano delle loro case e non esiste luogo in cui puoi esser sicuro. La percezione della sicurezza è cambiata.

La responsabilità del luogo, il rapporto turismo e territorio

Di certo un approccio turistico responsabile funziona quando è a doppio senso. Il turismo responsabile è un processo che produce sicurezza: il visitatore e la comunità ospitante sono gli elementi di questo processo. Alla base di questo processo non ci sono criteri, principi, regole o leggi che possono cambiare lo stato delle cose, bensì il modo di percepire l’ambiente che desideriamo e le misure che adottiamo per assicurarlo tale.

Prospettiva per una nuova responsabilità del luogo

Osservare l’ambiente e i suoi valori sotto questa angolazione consente di comprendere senza alcun studio il valore delle misure che adottiamo per un turismo responsabile. Non solo: consente di andare oltre l’immagine delle analisi comparative, oltre le soluzioni che producono maggiore complessità sul territorio e soprattutto non consentono di lasciano lo spazio a disposizione di chi pensa ad altri obiettivi.

Pertanto la domanda più lecita che ci si può porre quando desideriamo un turismo responsabile è: che tipo di ambiente desideriamo vivere domani?

Il grado di responsabilità del luogo che occorre assumere consapevolemente non è di tipo amministrativo, bensi di tutela di specie viventi, animali, vegetali, minerali, che caratterizzano il luogo. Qualsiasi alterazione del loro equilibrio dipende dalle qualità umane e l’insieme degli esempi comportamentali individuali rimane a tutt’oggi il criterio fondamentale di gestione del luogo. L’unico che determina l’immagine condivisa del luogo.

Save

Save

Save

Save

Save

Save

Share Button

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>